Esbat, Fiori e magia, News

**Luna della Coppia- 21 Maggio** Il Sesso Sacro dello Yin e dello Yang

Tutto il mondo si mette in cerchio.

Tutto avviene nel cerchio della vita.
Tutto si muove nella spirale, dentro e fuori, fuori e dentro.
Violini attorno che danzano, vibrano i corpi nell’estasi di un finto peccato. Discende la passione, s’infila sinuosa nell’io matriarcale, nel disegno primordiale, dipinta nuda come Venere di Samotracia, come arte e passione Fluida di un Zefiro sognatore nella Primavera del Botticelli.
Arrogante, sublime, mistico e spirituale diventa il senso e il sesso che sfiora la passione pindarica, nel volo che trova spazio tra fantasie e rudimenti.
Una corte.
Una ballo.

Un amore proibito.
Che trova spazio nelle profonde grotte della Terra.


Chi siamo noi per decidere di questo amore?

Chi amo?

Cosa Amo?


Mi ami?
Io amo me?

Io Amo te?


Domande intinte nell’inchiostro scuro, nella carne tagliata, pezzo dopo pezzo, sangue dopo sangue.
E la luna giocosa danza con le nuvole di un 21 Maggio. Un fuoco viene acceso nel ricordo delle Origini, nel ricordo di danze celtiche e ancestrali, li sulle sponde del cuore, si muovono danzatori e danzatrici.
Ma che storia è mai questa qualcuno borbotta dall’alto al basso.
Qualcuno cerca la verità, qualcuno cerca scarpette di cristallo, altri cercano un rifugio, un riparo dalla pioggia che scende copiosa dentro l’anima scava tombe e silenzi.
Qualcuno osserva la Luna, tra incantesimi e verità.
Girano nel calderone come anime che cercano altre anime e l’amore come in una notte di mezza estate fa il suo ingresso, applausi, fiori e rose che sbocciano sotto il suo passo.
Elegante, passionale, fuggente.

Un abbraccio.
Donna e Uomo,
Donna e Donna.
Uomo e Uomo.
Maschile e Femminile che creano, insieme, nell’abisso dell’universo. Il loro è un abbraccio cosmico, il loro è un messaggio universale che si mescola ai liquidi fecondi del tempo.


La Grande Dea Madre abbraccia il Dio Padre nella notte dei fuochi sacri, il serpente cosmico attraversa le pareti umide della grotta. Ne trova spazio e si ferma li, arrotolato nel grande cerchio dell’esistenza.
Gioconda sorride agli sguardi dei passanti, come un quadro sempre fermo, pittorico, ironico e mondano, si appresta a prendere nomi e soprannomi;
La Luna della Coppia, chiamata anche Luna dei Fuochi, Luna di Maggio, Luna bivalente, Luna del Fiore, Luna del Latte, Luna felice, Luna doppia, Luna luminosa, Luna della Rana, Luna del Gelso, Luna delle Madri, Luna allegra, Luna di gioia, Luna dell’Orso, Luna del Tasso; celebrazione del senso e del sentimento.

 Mi ami ancora dopo tutto questo tempo?
Mi amo ancora dopo tutte queste voglie?
Mi desidero cosi tanto?

Si, mi amo ancora, si danzo ancora
Si mi amo ancora, si vivo ancora.
Respiro piano per non fare rumore, sulla tua nuda pelle. Mentre danzo sotto al luna, vestita solo di raggi e di fili d’erba, mentre nell’aria rose e rododendri fioriscono.
Mentre api e farfalle danzano dentro e fuori il mio fiore sacro.
Lo dono a te. alla Madre, al Padre, al mio cuore.

Una magia che celebro nella notte.
Una danza che continua nello scintillio del panorama, nella danza del fuoco che scoppietta nel mio cuore. Nel legno dei fiori di Zagara, nel tempo e nello spazio.

Luna che celebra il sentimento, luna che celebra l’unione, non ha importanza quale sia questa unione, l’importante è l’amore che ne scaturisce, la fioritura dello Yin e dello Yang.
Uniti, celebrati vivi.

Tu ti Ami?
Tu Mi Ami?

Siate sempre Benedetti )O(

Sempre Vostra La Soffitta delle Streghe

About La Soffitta delle Streghe

C'è polvere ed è sporca, ma nella soffitta trovi ricordi e melodie di un tempo perduto. Entrate e rimanete, entrate e saggiate il mistero del tempo, antico come le rime di un incantesimo, antico come il sapore di cannella. Siamo figlie della Dea Antica, ne pratichiamo il culto, e diffondiamo il suo verbo. )O( Siate Benedetti.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *