L'arte della Strega, News, Pensieri della Soffitta

La tradizione del Gatto.

Gli antichi egizi furono i primi che diedero ai gatti (in particolare a quelli di colore nero) il ruolo di porta fortuna. Essi infatti sperimentarono che le famiglie che tenevano gatti in casa disponevano di una maggiore quantità di cibo, contraevano meno malattie e sopportavano meno decessi rispetto alle famiglie senza gatto. Il modo accurato di pulirsidel gatto era ben visto dagli Egizi e la sua abilità nell’uccidere topi, ratti, scorpioni e serpenti era considerato un autentico colpo di fortuna. Un altro vantaggio dei gatti era che non si cibavano di cereali che, invece, era la dieta pressoché esclusiva degli Egizi. (Engels)

Gli Egizi e i Celti credevano che il gatto incarnasse la divinità e questi culti sopravvissero anche in pieno Medioevo tra i contadini in Europa, meno toccati dalle persecuzioni. Soprattutto nel folclore del Galles e della Cornovaglia ci sono leggende e proverbi sui gatti e sui gatti neri in particolare visti in senso positivo. I gatti erano inoltre considerati propiziatori di fortuna se venivano, purtroppo, sacrificati. L’origine di questi miti è celtica e il sacrificio serviva per avere un buon raccolto (i gatti simboli di fertilità). In Spagna, Francia e Inghilterra durante il Medioevo venivano murati dei gatti nelle pareti delle case o nei pavimenti, come porta fortuna. Seppellire i gatti sotto i pavimenti era un’antica magia celtica. Si spera non fossero vivi ma non è da escludere, dato l’alto valore attribuito alla vita, in generale, nel corso del Medioevo. (Engels)

Nell’Islam tenere in casa un gatto è considerato meritorio e soccorrere un gatto bisognoso è un gesto apprezzato da Allah. Fare, invece, soffrire un gatto può portarti all’inferno.

In Turchia si ritiene che il gatto dei desideri, quello cioè capace di realizzare i desideri che gli vengono espressi esista. La leggenda dice che per veder esaudito un proprio desiderio si debba trovare un tale gatto e convincerlo ad accoccolarcisi in grembo. Quindi bisognerebbe sussurrargli all’orecchio il desiderio e poi offrirgli molte leccornie e coccole. A questo punto, se il gatto avrà dimostrato di gradire le nostre offerte il desiderio si realizzerà. Questo può succedere ovviamente solo se il gatto è davvero un gatto dei desideri. Purtroppo è impossibile sapere se un gatto abbia davvero questi poteri poiché è ritenuto un atto foriero di cattiva sorte rivelare che un micio abbia realizzato un desiderio.

La tradizione orale del gatto porta fortuna è diffusa in Russia, Sicilia, Africa, India, Arabia, Spagna, Inghilterra, Francia e America. Troviamo nella Francia meridionale e anche in Inghilterra la leggenda del Matagot e tra le razze attuali abbiamo il Korat, gatto di origine thailandese: il suo nome letteralmente significa buona fortuna. Sembra che l’origine del mito del gatto porta fortuna sia legato alla sua capacità di sopravvivenza e quindi anche alle sue famose sette o nove vite.

Nel Galles ottocentesco si pensava che i gatti fossero dotati di poteri magici e quindi a trattarli bene avrebbero garantito molti privilegi. Non possedere un gatto era considerato fonte di sfortuna.

I gatti guariscono, quale miglior fortuna di questa, e la dea Iside era dotata di poteri di guarigione e di rigenerazione (ridiede addirittura la vita al marito Osiride). Inoltre, sono attualmente sempre più utilizzati nella pet therapy. Gli antichi c’erano già arrivati:

Nell’antica Inghilterra, accarezzare un gatto era un gesto terapeutico, un tocco di classe, un soffio di immortalità.

In Scozia si crede ancora che i gatti possano guarire dalla cecità e la cura tradizionale giapponese per i crampi allo stomaco era un gatto caldo (Hausman)

Naturalmente fare del male a un gatto non porta fortuna. In Calabria affermavano che chi uccideva un gatto sarebbe stato costretto a vagare per il mondo per sette lunghi anni. Analogamente in Sicilia si dice che chi uccide un gatto subirà sventure per sette anni. (Cattabiani)

**Possiate essere benedetti sempre**

La soffitta delle streghe

About La Soffitta delle Streghe

C'è polvere ed è sporca, ma nella soffitta trovi ricordi e melodie di un tempo perduto. Entrate e rimanete, entrate e saggiate il mistero del tempo, antico come le rime di un incantesimo, antico come il sapore di cannella. Siamo figlie della Dea Antica, ne pratichiamo il culto, e diffondiamo il suo verbo. )O( Siate Benedetti.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *