News

In ogni Donna c’è una Dea: La Mimosa e la sua Magia.

L’8 Marzo, In ogni donna c’è una Dea.
La giornata internazionale della donna si celebra l’8 marzo in molti paesi occidentali, e rappresenta le conquiste sociali delle donne. L’origine della festa non è certa: l’ipotesi più probabile è che sia nata nel 1910 nel corso della conferenza dell’Internazionale Socialista, ma non vi sono prove certe.
Una data certa è invece l’8 marzo 1917 quando le operaie di Pietroburgo (in Russia, durante la rivoluzione di febbraio) manifestarono contro la scarsità di cibo e contro la guerra.
Spesso si fa risalire la nascita della festa della donna alla Leggenda della fabbrica di Cotton, negli Stati Uniti, ma solo di leggenda si tratta. Infatti secondo questa diffusa credenza, nel 1908 a News York le operaie della Cotton, un’industria tessile, avrebbero cominciato a scioperare per protestare contro le difficili condizioni di lavoro a cui erano sottoposte fino a che, l’8 marzo, il proprietario della fabbrica le avrebbe chiuse dentro bloccando le porte. Il successivo svilupparsi di un incendio avrebbe provocato la morte di 129 donne operaie. Ma si tratta di un falso storico, una falsa notizia creata ad arte dalla stampa comunista durante la guerra fredda per gettare discredito contro gli Stati Uniti. Ma un fondo di verità in questa leggenda c’è: in un tragico episodio di cronaca del 1911 (quindi dopo la conferenza del 1910 da cui avrebbe avuto origine la festa dell’8 marzo) morirono 140 persone (uomini e donne) in un’industria americana (la Triangle Shirtwaist Company) a seguito di un incendio provocato dalle cattive condizioni di lavoro, incendio che divampò il 25 marzo, non l’8.
La mimosa dunque divenne simbolo rappresentativo della festa della donna.
La mimosa e’ un albero ornamentale proveniente dall’ Australia che da quasi duecento anni si è adottato bene in Europa nelle regioni dal clima temperato.
Il nome mimosa deriva dal greco mimo, che significa attore che recita ed esprime sentimenti,un appellativo forse dovuto alla sensibilità di alcune specie a contatto,ai cambiamenti di luce e all’aria.
La mimosa pudica , ad esempio,richiude le sottili foglie argentee non appena si avvicina la mano, meccanismo che dipende da una sostanza in grado di modificare la permeabilità delle foglie al minimo tocco.
Nel linguaggio dei fiori la mimosa e’ simbolo di moralità e pudicizia.
Secondo un antica leggenda, si narra a proposito della pudicizia,che un pastore perdutamente innamorato di una ninfa, non riuscendo a dominare la sua passione,la perseguitava senza tregua costringendola,per difesa, a nascondersi nei boschi.
Alla fine la fanciulla , esausta per i continui attacchi al suo pudore , supplicò il Dio delle nozze ,Imene , di mutarla in un fiore, e fu trasformata in mimosa.
E’curioso notare come la mimosa sia conosciuta come albero dei sogni e sembra proprio che favorisca lo stato onirico ed i sogni premonitori.
Gli sciamani consigliavano di posizionarne un rametto sotto il cuscino se si voleva “vedere”quindi prevedere in sogno, i fatti o avvenimenti riguardanti il proprio futuro.

**Mille benedizioni a voi che leggete e che ci seguite, dal cuore un profondo grazie**
La soffitta delle streghe
www.lasoffittadellestreghe.it
‪#‎woman‬ ‪#‎donna‬ ‪#‎mimosa‬ ‪#‎luna‬
‪#‎magia‬ ‪#‎goddess‬ ‪#‎deamadre‬ ‪#‎dea‬

About La Soffitta delle Streghe

C'è polvere ed è sporca, ma nella soffitta trovi ricordi e melodie di un tempo perduto. Entrate e rimanete, entrate e saggiate il mistero del tempo, antico come le rime di un incantesimo, antico come il sapore di cannella. Siamo figlie della Dea Antica, ne pratichiamo il culto, e diffondiamo il suo verbo. )O( Siate Benedetti.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *