Aforismi Straordinariamente Magici, Luna, News, Zodiaco

°°7/8 Novembre°° Luna Calante: La trasformazione della Farfalla.

“Mentre correvo in mezzo alla neve, vidi una farfalla.Visioni, fantasia e forme. Il grande spirito mi parlò”.

Cala e discende nei suoi inferi personali.
Cala e discende nel profondo abisso che regala l’eternità.
Discende la Luna e si tuffa nei flutti, nel segno del cancro canta insieme alla sirene, diventa acqua, spuma e Vergine ad ogni onda.Cala e s’immerge nella magia di questo tempo. Mentre l’inverno sta per arrivare, mentre si sente e si spera nella Luce della divina concezione, immacolato e candido Yule, tutto muore e si trasforma nella sua sua forma.

Chiuso.
Racchiuso come un bocciolo.
Rosa delicata.
Canto innocente ed eterno.
Tutto appare e nella neve. Una visione. Un fiore che si aprirà nella speranza del tutto.
Luna che entra ed esci da vari segni, acquatica, Lunatica, ruggente come un Leone, e Vergine legata alla terra, si trasforma si mostra e poi scompare dietro le nuvole divine.
Fugge via, fugge da questo tempo.
Fugge ogni pensiero e tutto avverrà.
Fugge via.

Lucente bellezza ci porta ad osservare la sua discesa, mentre gli spiriti di Samhain ancora danno in cielo come stelle e magia, lei ci porta negli inferi, nella discesa dell’abisso, nella discesa verso la nascita interiore. Apprendi in silenzio le parole che prima o poi verranno fuori, devi riuscire a capire il momento in cui la voce si prepara ad apparire, scavalca il silenzio, e muta nella sua forma elegante e nuova. Radiosa la farfalla che vola oltre il manto innevato. Una Luce, una speranza, un volo che porta con se eleganza


Una farfalla che porta il dono.
Una farfalla che si posa. Lei è la trasformazione del segreto.
Lei diventa archetipo, forma e chiave che ci apre a tutti i misteri di questo sortilegio.

Cala e discende questa Luna nella foresta, si perde nel bosco, ma il volo scintillante lascia perle e fili argentei per non farci perdere il sentiero. No questa volta non abbiamo bisogno di perderci per ritrovarci, questa volta dobbiamo uscire fuori, dobbiamo emergere, dobbiamo essere il grande calderone. E’ tempo di trasformare ciò che  abbiamo dentro.

Le ferite? Sono state risanate.
Le lacrime? sono state asciugate.
Da chi? Da noi stesse/i. Dal nostro silenzio, dal mistero che abbiamo davanti.

Vuoi volare disse la voce del grande spirito mentre camminavo nel silenzio.
Allora devi rinunciare a tutto quello che hai perchè solo cosi tu ti trasformerai.

Vi riporto queste parole, questi sogni, questi mie visioni. Visioni che incontrano anche la Luna, che incontrano anche la magia di questo momento.

Novembre è il silenzio prima di ogni parola.
Novembre è il momento di passaggio, alla ricerca della nostra trasformazione.
La Farfalla ci indica il cammino da seguire.

Siamo noi quella farfalla che ci racconta la storia di come siamo diventate bozzolo, di come abbiamo rotto il guscio e siamo riuscite a volare. Non dovete mai scusarvi con nessuno, voi dovete solo volare e volare e ancora Volare.

La Luna Cala e ci porta davanti ad Hekate, le poserà la sua fiaccola, lei brucerà tutti i nostri sogni vecchi e darà fuoco a tutti quelli nuovi.

Se la Luna vi dirà qualcosa.. ascoltatela, lei conosce tutti i segreti della Magia.

Siate pronte/i alla completa trasformazione, non sapete mai quando vi spunteranno le ali, quanto sarete farfalle, non lo saprete mai. Conoscerete solo l’attimo che dal silenzio passera a parola, donate a quell’attimo tutta la vostra immaginazione, tutta la vostra attenzione e vivetelo fino in fondo.

Sempre Vostra La Soffitta delle Streghe

About La Soffitta delle Streghe

C'è polvere ed è sporca, ma nella soffitta trovi ricordi e melodie di un tempo perduto. Entrate e rimanete, entrate e saggiate il mistero del tempo, antico come le rime di un incantesimo, antico come il sapore di cannella. Siamo figlie della Dea Antica, ne pratichiamo il culto, e diffondiamo il suo verbo. )O( Siate Benedetti.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *