Esbat, esbat e danza, Feste della ruota dell'anno

•31 Marzo• Luna Piena: Il rituale della Conchiglia

Nelle profondità ci immergiamo ed accogliamo le energie della Luna Piena. Ci lasciamo cullare dalla delicata melodia delle onde e riscopriamo la pace e la serenità nel grembo della Dea. L’elemento Acqua ci parla di sentimenti e di emozioni, lasciamo scorrere il nostro vecchio Io per rinascere colmi d’energia vitale.

Rituale della conchiglia

Materiali necessari:

Una candela blu (in sostituzione si può utilizzare una candela bianca)

Una conchiglia

Una ciotola d’acqua

Sale grosso

Sottofondo musicale rilassante (meglio se con suoni che ricordano il mare)

Palo santo (in sostituzione un incenso naturale)

 

Trova un posto tranquillo dove poter eseguire il rituale, può essere il tuo bagno, la tua camera da letto o un balcone. Scegli il posto che ti sembra più adatto, un luogo che possa trasmetterti sicurezza.

Posiziona tutti i materiali necessari a portata di mano, devi poterli utilizzare facilmente senza bisogno di alzarti o recarti in un altra stanza. Posiziona la ciotola d’acqua al centro e accendi la musica.

Assumi una posizione comoda, seduta e inizia ad ispirare ed espirare lentamente.

Svuota la mente dai pensieri, lasciali fluire. Concentrati solo sul tuo respiro.

Prosegui finchè non avrai assunto uno stato di quiete.

Inizia ad accendere il palo santo e diffondilo tutto intorno a te, tracciando un cerchio per separare te e il tuo spazio dal resto del mondo.

Terminato con l’incenso, accendi la candela e rivolgendoti alla Dea ripeti queste parole:

“ Madre splendente, Signora degli Oceani e della Terra,

In questo giorno di Luna piena io mi trovo qui a pregarti,

Ti chiedo di guidarmi nel mio sentiero,

Illumina con la tua profonda saggezza il mio cammino

affinchè io possa ritrovare la mia forza e la mia serenità.

E sia. “

Esprimiti in totale libertà e se ne hai bisogno aggiungi o modifica queste frasi per poterle percepire più veritiere e sentite.

Avvicina a te la ciotola con l’acqua e aggiungi del sale.

Gira l’acqua per tre volte in senso orario e in seguito immergi entrambe le mani.

Ora chiudi gli occhi e visualizza un luogo dove è presente l’acqua in tutta la sua naturale bellezza, può essere un lago, un fiume, il mare o l’oceano. Non è importante.

Concentrati sui dettagli che rappresentano la scena. Il profumo del vento che ti circonda, la vegetazione, la sensazione della sabbia sotto i piedi, i sassi. Lascia fluire queste immagini dentro di te.

Rilassati completamente mentre godi di questo meraviglioso paesaggio.

Avvicinati all’acqua se vuoi. Tuffati. Passeggia. Prenditi del tempo per godere di questa meravigliosa sensazione di pace.

Ora concentra la tua attenzione verso l’acqua e ripeti nel cuore

“Dea Madre, nel tuo grembo io ritrovo la pace.

Concedimi la possibilità di ricevere il tuo dono, il tuo messaggio.

Lo tratterò con cura e rispetto.

Ti ringrazio meravigliosa Madre.”

Se volete porre una domanda specifica questo è il momento giusto oppure potrete semplicemente ricevere un messaggio generale che potrà aiutarvi. Attendi qualche istante ripetendo queste parole nel tuo cuore, devi esprimerle con grande volontà, sentile tue.

Ora osserva.

Dall’acqua fuoriesce qualcosa. Una conchiglia iridescente.

Ti basta sfiorarla per percepire la sua preziosa energia. Prenditi il tempo che ti serve e raccoglila. Al suo interno troverai il messaggio che la Dea ha deciso di comunicarti.

Stringila al petto e ringrazia.

Quando aprirai la conchiglia al suo interno troverai un messaggio. Potrà essere un simbolo, una runa, una frase, una parola, un disegno, una pietra, potrebbe anche non esserci niente. Rifletti sul suo significato perché quello è un messaggio della Dea, per te. Prenditi tutto il tuo tempo. Non avere fretta.

Ora potrai non capire il suo significato ma presto o tardi ti sarà tutto chiaro.

Quando tornerai nel tuo corpo, trascrivi il messaggio sulla conchiglia e ponila sul tuo altare o in un posto per te prezioso.

Benedizioni.

 

Rituale ideato da Federica Neri dell’Incanto del Corvo, concesso con amore alla Soffitta delle Streghe

 

About La Soffitta delle Streghe

C'è polvere ed è sporca, ma nella soffitta trovi ricordi e melodie di un tempo perduto. Entrate e rimanete, entrate e saggiate il mistero del tempo, antico come le rime di un incantesimo, antico come il sapore di cannella. Siamo figlie della Dea Antica, ne pratichiamo il culto, e diffondiamo il suo verbo. )O( Siate Benedetti.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *