Luna, News, Parole di Magia, Pensieri della Soffitta

••27Luglio: L’ora più buia dell’Eclissi di Luna(quasi piena)

Profondo.
Immenso.
Come l’oceano infinito.
Come la voce che penetra queste ossa stanche.

27 Luglio. Eclissi di luna, assenza totale del potere. Morte che si mette su altra morte. Cade, si frantuma, scivola tra pertugi d’anima e ossa di serpente. Scava nella follia che devasta le carni, come un vagare immenso. Nera, nero come il suo manto, nera come la notte, nera come la fredda mano. Nera come la voce. Nero come il corvo che siede sulla spalla destra del Dio del Valhalla.

Muore.
Muore l’eclissi.
Muore la Luna.
Muore questa voce.
Muore tutto quello che tace.
Cade nello sgretolarsi delle cose effimere e di quelle che non hanno senso.

Cade nel terremoto dell’io incontrastato, mentre il disegno del matriarcale filo, si tesse, si taglia e le tre veggenti sedute sul trono dell’eclissi, abili, intrecciano il destino.
Qualcosa si muove nella Nigredo dell’Anima.
Qualcosa nasce e rinasce nella sua profonda Albedo, passa per i fiumi rossi della Rubedo e, l’alchimia che trasforma ogni cosa, lascia spazio alle cose nuove. Nella morte, un piccolo seme, cade senza farsi male, senza frantumarsi.

Vita.
E’ Vita.
Nasce, si fa spazio. Nel seme è contenuta la foresta, il labirinto che s’intreccia e conduce tutte e tutti noi al cospetto del Minotauro.

Che storia è mai questa?
E’ una storia antica, molto.

Mia Nonna me ne parlava sempre, mi diceva che nell’eclissi, qualcosa muore, ma qualcosa nel contempo rinasce. E’ un passaggio obbligato.
E’ un passaggio stretto che si apre poi alla bellezza.

Il buio ha spaventato molti popoli, ancora oggi spaventa molte credenze, spaventa il cuore.

Spaventa anche il coraggio del Leone che va cercandolo lungo la via di Mattoni gialli.

Spaventa tutti.

Ma se l’eclissi che porta il buio sulla terra e nel nostro animo, poco dopo si sposta, la Luce si fa spazio tra i suoi cancelli.


Irrompe.
Rompe.
Sgretola ogni parete.
Sfibra ogni essenza.
Rompe e appare.
Appare come una visione, come una Dea gravida e piena di bellezza.
Magnifica sotto ogni aspetto.

Vergine che è stata toccata più volte, dall’erba, del muschio, dai tronchi degli alberi. E’ stata donna, strega, immagine perpetua e illuminata. E’ stata pregata, amata, odiata e ora che dona di nuovo la Luce viene osannata da tutti.
Tutti e tutte danzano nude nel suo grembo, nella sua ala, sotto la sua luce lunare.
Nel buio della Notte, le ombre si sono mescolate alla Luce e nella Luce hanno trovato il loro io.
Chi ha paura del buio non comprenderà mai la bellezza della Luce.
Chi ha paura della Luce non capirà mai la bellezza del Buio.
Sono due sorelle, anime che si inseguono fino alla notte dei tempi.

Chi dice che non v’è lavoro magico da fare è perchè conosce bene il grande potere della Trasformazione. Seguite la Luna, la sua eclissi del cuore e la vostra trasformazione. Toccate tutto e trasformate il piombo in oro.

Voi siete Le/gli Alchimisti della vostra anima.


Aprite non solo il cuore, ma anche il vostro io all’eclissi, alla Luna e alla Regina che avvolge e ama tutti noi: La Grande Dea Madre.

La Vostra trasformazione inizia ora, con amore, per amore e per tutte quelle immense volte che vi siete fermate sulla soglia.

Avete paura del Buio?
E’ il momento giusto per capirne il senso, per sentirne l’odore, per acquisirne la ragione.

Se vi state chiedendo che senso ha tutto questo, forse dovreste immergervi nel vostro immenso oceano infinito.

Sempre Vostra La Soffitta delle Streghe

About La Soffitta delle Streghe

C'è polvere ed è sporca, ma nella soffitta trovi ricordi e melodie di un tempo perduto. Entrate e rimanete, entrate e saggiate il mistero del tempo, antico come le rime di un incantesimo, antico come il sapore di cannella. Siamo figlie della Dea Antica, ne pratichiamo il culto, e diffondiamo il suo verbo. )O( Siate Benedetti.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *